Languida attesa.

In inverno, quando penso alle località di mare, a torto o a ragione, di solito mi mette un po’ di tristezza. Questo luogo comune mi accompagna fin dall’adolescenza. Ho sempre avuto la sensazione che tutto fosse fermo ad aspettare. Come se il periodo invernale fosse una sorta di letargo, in attesa che arrivi il gran momento del delirio estivo. Il lungo mare è in attesa degli spensierati passeggi quotidiani, e le paperelle, che nuotano nel torrente che risale la cima, attendono un po’ più di sole.

 
Ora la spiaggia deserta, silente, incontra  le onde e sussurrano chissà quali segreti. Anche gli stabilimenti sono chiusi, in attesa dei primi bagnanti.
Mentre il vento accarezza la sua criniera immobile, anche il cavalluccio è in attesa dei bimbi festosi.
Qualcuno, come al solito, non vede l’ora di dichiarare i propri sentimenti…ovunque!
Il vecchio lupo di mare, invece, ogni giorno, al porto, aspetta con dignitosa compostezza il suo turno alla bancarella del pesce.

Non amando il mare nelle vesti di “villeggiante” ho sempre escluso a priori questa condizione. I luoghi comuni sono duri a morire. Invece ho scoperto che è così dolce lasciarsi cullare da questa meravigliosa, malinconica, sensazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

17 pensieri su “Languida attesa.

  1. Io adoro il mare in tutte le stagioni… ma rigorosamente senza stabilimenti balneari!
    Quelle paperelle sono fortissime… ma anche il gatto è favoloso… e che dire dell'ultima foto…W-O-W!!!
    Bacioni!

  2. @ Ciao Eva benvenuta.
    Lo dico sempre anch'io a mio marito “sarà l'età?” Penso che la maturità aiuti a capire cose che, per luoghi comuni, non si apprezzavano prima. grazie a presto.

  3. Hai ragione, la sensazione è quella dell'attesa, dello stop forzato.
    Tristezza, malinconia.
    Negli ultimi anni sto però iniziando ad apprezzarlo di più.
    Che sia l'età??!

  4. @ cara Chiara di nulla, un bacio.

    @ Benvenuto Cosimo, accolgo volentieri la tua nota poetica. Hai descritto molto bene quello che provi per il tuo mare. Grazie per il tuo commento. A presto.

  5. Non potevo non fermarmi sul mare….
    io che abito da sempre sul mare, anche se ho cambiato 5 volte casa. E sempre a pochi passi dal mare.
    Il mare nei mesi silenziosi, quelli che vanno da ottobre ad aprile, racconta tutto quello che ha visto ed ha sentito negli altri mesi.
    E la sera per ammiccare, strizza sempre l'occhiolino con la luce del faro.
    E così ognuno di noi si sente ancora più navigante.
    Complimenti per il tuo blog!

  6. @ Marifra ho scoperto che il mare ha davvero mille sfaccettature, per me che sono lontana, ogni volta che lo vedo è come un grande abbraccio, una boccata di respiro. Grazie un abbraccio anche a te e spero di ritrovarti presto.

  7. @ Terhi – Carissima ho rivalutato il mare d'inverno da poco e ne sono felice. le passeggiate,sono rivelatrici. grazie, vengo subito a trovarti.
    @ P&amp – Una sana malinconia è così poetica, non trovi? un saluto ciao

  8. Adoro il mare, d'estate, d'inverno in qualunque salsa… in una giornata invernale di sole come questa poi mi fa semplicemente impazzire… mi da la carica e mi fa venire in mente all'estate….
    e addio malinconia, tristezza e stress!!!

  9. Io adoro il mare d'inverno. La sensazione che dá è completamente diverso dall'estate, ma mi piace andarci comunque. Faccio lunghe passeggiate e penso… Mare è un luogo di sogni, che ci evoca anche altri posti, un luogo di pensieri, emozioni…. Bellissimo!
    Se passi dal mio blog, c'è qualcosa per te! Spero che ti piaccia! 🙂

Se vuoi lascia il tuo commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...