Sisters & giggles.

Ci sono spazi che vorrei fossero più presenti nella mia vita, invece la quotidianità stravolge i buoni propositi. Non vorrei rimandare incontri piacevoli ma molto spesso il tempo latita, gli impegni a volte ti sommergono, se poi aggiungiamo anche una manciata di pigrizia dovuta ad apparenti priorità, ecco che tutti questi elementi non permettono di agire come si vorrebbe. Riequilibrando le priorità posso dire che una delle cose che mi piace di più fare è quella di incontrarmi con le mie sorelline. Una cena, una gita, un’occasione per fare spesa insieme, per tutti i motivi che ho elencato sopra, e per altri ancora, questo succede raramente. Quando è possibile lasciamo tutti a casa e partiamo.
Il viaggio non dura quanto vorrei, di solito l’escursione viene consumata nell’arco di una sola giornata. La meta di fine estate l’ho suggerita io (figuriamoci) per condividere il ricordo di un luogo molto bello. Con l’auto abbiamo percorso oltre 200 chilometri per arrivare fino al lago di Mont Cenis nel parco nazionale della Vanoise, in terra francese. La strada non è bellissima, in modo particolare dopo Susa, durante la salita, diventa tortuosa, il manto stradale in alcuni tratti è sconnesso e ci sono molti tornanti. Non stupitevi se durante la salita incontrerete finalmente un bar aperto, non ne troverete altri. Non lasciatevi intimidire dall’aspetto semi-abbandonato della struttura, il tempo sembra essersi fermato agli anni sessanta, oltrepassate il ponticello e una volta entrati chiedete alla gentile signora al banco della sua amica volpe: pare che una volpe, con puntuale scadenza, entri nel locale per guardare la tv… è una fiaba? No, la signora ama e rispetta molto tutti gli animali e permette a loro di farle visita, la volpe e i ghiri frequentano il bar regolarmente (stagione permettendo). Il percorso si è rivelato molto interessante anche perché ci ha fatto scoprire tratti insoliti. Mentre la zona di confine si avvicinava, avevamo la netta sensazione di attraversare la terra di nessuno. Tutto è lasciato in balia del tempo che consuma quanto l’uomo ha costruito, molte strutture versano in uno stato di abbandono da parecchi anni e le rare abitazioni che si incontrano lungo la strada non sono in condizioni migliori. Ma il fascino quasi spettrale di questi luoghi rende l’atmosfera in qualche modo attraente.
 Il piccolo villaggio abbandonato di Gran Croce.
Zona della vecchia dogana.
Ai piedi della diga.
La cappella di Notre-Dame des Neiges, unica struttura
del villaggio ancora in buono stato grazie a recenti restauri.
Poi, man mano che si sale, il panorama diventa spettacolare
e non possiamo evitare di fermarci meravigliati dallo
spicchio azzurro del lago che si avvicina sempre più.
 Il lago si trova a 2000 metri di altitudine, l’aria è frizzante e si respira
a pieni polmoni ripensando alle temperature torride lasciate giù in pianura.
Ci concediamo una pausa pranzo in riva al lago coccolati da un grazioso
ristorante che ci riserva specialità della cucina savoiarda.
Oggi è una giornata di relax e abbandoniamo per qualche ora la fretta,
gli impegni, i pensieri, regalandoci questo dolce e distensivo intervallo.
Beh, non resta che presentarvi le mie due sorelline.
Sisters & giggles

____________________________

14 pensieri su “Sisters & giggles.

  1. Che meraviglia Tiziana… La storia della volpe e dei ghiri mi ha conquistata. Ho deciso, la prossima estate seguirò le tue orme. Poi mi dai anche l'indirizzo del ristorantino eh! E se tu e le tue sorelle volete fare il bis, magari si organizza insieme! Un abbraccio!
    PS ma quanto sei brava a disegnare!!!!!

  2. Bellissimo racconto e belle le foto!Io di gite come questa con mia sorella? Improbabile!
    Magari con mio fratello… naaa, neppure con lui ma è un peccato non trovi?

    Mmmmh… non so…sei quella di sinistra?

    Un abbraccio stretto!
    😉

  3. Ciao cara, per te è più naturale la zona del Trentino è più vicina a te. Io invece disto a poco meno di 200 km dal confine francese. Ma non c'è il minimo dubbio sul fascino dell'uno o dell'altro. Un abbraccio,

  4. Ma che simpatico questo racconto. E devo dire che già le foto sono spettacolari, ma poi la tua descrizione dei luoghi fotografati è così ricca, così colorita, che manda una luce ancora più affascinante sui posti di cui ci hai raccontato.

  5. Che bel post e che bei posti è tantissimo che non ci vado da quelle parti e pensare che non è poi così lontano da casa mia! Bisogna proprio che ci penso!
    Bella questa abitudine che avete voi sorelle di fare queste uscite senza tempo e senza orologio, complimenti.
    Antronella

  6. La bellezza degli incontri con persone che si amano eguaglia la bellezza dei luoghi che ci hai fatto conoscere. Molto spiritosa la presentazione delle tre sorelle.
    La madame

  7. Che bella gita! Io sono figlia unica, sob…. A parte le battute, molto bello il posto. Amo la montagna ma per comodità noi orbitiamo sempre in zona Trentino Alto Adige, al massimo Lombardia. Mi hai fatto conoscere una zona sconosciuta e affascinante.

Se vuoi lascia il tuo commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...