Lanzarote. Lago Verde smeraldo.

L’ultimo giorno disponibile per le nostre escursioni lo dedichiamo alla parte sud-occidentale dell’isola. Concentriamo le nostre attenzioni verso una località: El Golfo. Il percorso prevede di lasciare la confortevole superstrada LZ2 per immetterci in una strada minore che ci riserverà panorami incredibili. Si sale in modo rapido e dobbiamo fermarci al primo mirador, la vallata davanti a noi è incredibile, in lontananza il mare brilla sotto i raggi del sole mattutino, si prosegue.

Lanzarote Island PSCT TB

Si sale ancora, l’aspetto arido del terreno non cambia, l’assenza di vegetazione mantiene una monocromia quasi continua, omogenea. Arrivati al picco più alto un irresistibile richiamo ci fa fermare di nuovo, qualche scatto e inizia la discesa verso la vallata. Come a volte succede, metto in dubbio le indicazioni del navigatore e ovviamente sbagliamo strada, riprendiamo la giusta via e arriviamo alla meta. El Golfo è una riserva naturale, come tutto il territorio dell’isola del resto, ed è anche il nome di un piccolo villaggio di pescatori con le case tutte bianche che si affaccia sul mare. Durante la nostra visita, nel mese di marzo, era molto affollato, qui si trovano alcuni ristorantini che servono un ottimo pesce.

A El Golfo, Charco de los Clicos, si viene anche per ammirare una curiosa attrazione naturale. L’interno della caldera di un vulcano, in parte sommersa dal mare, ospita un piccolo lago dalle caratteristiche insolite. Dal piazzale del parcheggio seguiamo le indicazioni incamminandoci lungo un sentiero e arrivati al punto dove offre la miglior veduta si può notare il laghetto di colore verde chiamato, per l’appunto, El Lago Verde. Il lago, dove è vietata la balneazione, è separato dal mare da una sottile striscia di spiaggia, la colorazione di un verde vivido, che ricorda uno smeraldo, è dovuta alla proliferazione di un’alga che cresce sul suo fondale. Il lago ha un collegamento sotterraneo con il mare. I tesori di Lanzarote stupiscono sempre.

Lanzarote, El Golfo, El Lago Verde, PSCT TB

Su tutta la costa e l’entroterra di questa area, sono ben visibili le estese colate di lava solidificata protese verso il mare che donano un aspetto che ha poco da vedere con qualcosa di terreno. E’ una terra di un fascino unico e domani la lasceremo, così come lasceremo un pezzo di cuore su questa meravigliosa, accogliente e fantastica isola sospesa sull’oceano.

Altre attrazioni naturali o create dall’uomo sono presenti sull’isola. In questa terra inospitale l’uomo ha dovuto affinare le proprie capacità per sfruttare le poche risorse presenti con metodi alternativi. Vi è una discreta produzione di vino, da non perdere la suggestiva zona agricola di La Geria dove bassi muretti circolari in pietra proteggono le esili viti dal vento che sferza incessantemente, creando un paesaggio dall’atmosfera particolare. Consiglio di esplorare ogni parte dell’isola, vi sorprenderà.


Articoli correlati:
Lanzarote. La perla nera.
Lanzarote. Il richiamo del Timanfaya.
Lanzarote. Inseguendo Cèsar Manrique.

Informazioni Utili:
Turismo Lanzarote
Aeroporto Arrecife
CACT ente turismo-culturale Lanzarote
Fondazione Cèsar Manrique


Se vuoi lascia il tuo commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...